Novità al MIPEL di settembre alla Fiera Milano

Non è più una novità la presenza del marchio Carl Laich al MIPEL che si terrà a Milano dal primo al quattro settembre, nei due padiglioni avveniristici di Fiera Milano.

Padiglioni di Fiera MilanoUn marchio giovane ma già competitivo sul mercato, nato dalla fusione di due aziende di medie dimensioni, al fine di unire le forze in termini di personale, qualità e tecniche di lavorazione del prodotto. A un anno di distanza dalla sua seconda partecipazione, è molto interessante rispolverare l’intervista concessa a MIPEL Tv, il canale dedicato proprio alla manifestazione milanese, dal Direttore Commerciale dell’azienda Arturo Turino, che si soffermò sulle motivazioni della presenza di Carl Laich all’esposizione, dove anche in questa seconda rassegna annuale più di 400 marchi presenteranno le collezioni primavera-estate 2016, e dell’organizzazione dello stand.

La nostra è un’azienda che si occupa di pelletteria da 35 anni – ha spiegato Turinoche, dal 2013 ha deciso crescere sul mercato integrando la clientela occasionale accrescendo il valore del marchio a un livello superiore, presentandolo qui al MIPEL. Per questo obiettivo abbiamo effettuato una scelta di un ottimo stilista che segue il progetto e abbiamo creato il brand Carl Laich che, sebbene si tratti di un nome di fantasia, si è rivelato accattivante e giusto per un prodotto che sta regalando molte soddisfazioni all’amministrazione e ai nostri dipendenti.

La crescita dell’azienda specializzata nella produzione borse in pelle combacia perfettamente con la partecipazione al MIPEL, che si presenta “ancora come una delle fiere principali del mondo“. Questa importante vetrina non può che essere un’occasione imperdibile di visibilità per un marchio già affermato e richiesto, sebbene con piccoli ordini, negli Stati Uniti, in Giappone,  con contatti avviati anche col mercato coreano. Lo scorso anno Carl Laich ebbe il privilegio di beneficiare del posizionamento, all’interno dei padiglioni della fiera, nell’Area Extra, avendo così la possibilità di personalizzare il proprio stand. La scelta, come ha riferito il Direttore Commerciale, non si è rivelata semplice, ma alla fine “è stata orientata alla valorizzazione delle nostre borse, organizzando uno spazio pulito e lineare, e soprattutto aperto e luminoso, con la finalità di far venire fuori forte l’immagine del prodotto in tutta la sua essenzialità e bellezza“.

Il prodotto appunto, è stato oggetto dell’ultima riflessione di Arturo Turino, che ha spiegato a MIPEL Tv la filosofia adottata dall’azienda al momento della progettazione e della lavorazione delle borse. Carl Laich punta ad una pelletteria “pulita”, essenziale e semplice, adatta ad ogni evenienza, in cui molte attenzioni vengono rivolte alla cura e alla dotazione degli accessori, che spesso si presentano come rifiniture dorate (cerniere, borchie e chiusure), al fine di dare l’immagine di una borsa non particolarmente elaborata, ma dall’aspetto importante ed elegante, ideale per la fascia alta verso cui il prodotto è dichiaratamente indirizzato.

Dopo un anno Carl Laich si ripresenta alla rassegna milanese cresciuto ancor di più nella qualità e nell’importanza sul mercato nazionale e internazionale. Se negli scorsi due anni il suo stand ha stupito, quest’anno il suo staff punta alla riconferma e, ancor di più all’ulteriore crescita al cospetto degli altri marchi presenti al MIPEL.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.